C'era una volta... Umberto Soletti

Nato a Torino nel 1937, sesto di nove fratelli, Umberto Soletti ha trascorso la maggior parte della sua vita a Baldissero d'Alba, tra i boschi del Roero, terra che ha fortemente amato e a cui ha dedicato molta passione ed altrettanto lavoro attraverso la nostra casa editrice che ha diretto fino agli ultimi giorni di vita. 

La sua lunga carriera lavorativa era cominciata nella direzione pubblicità e pubbliche relazioni Fiat, proseguendo poi come direttore operativo nella "Eco Pubblicità & Marketing", per concludersi alla Satiz, sempre all'interno del gruppo Fiat.

Fin dal 1973 si è occupato di Langhe, Roero e Astigiano con l'obiettivo di promuoverne la conoscenza e valorizzarne le peculiarità, fino ad avviare insieme al figlio Gianluca, nel 1995, la casa editrice "Imago", successivamente trasfomata in "UmbertoSoletti Editore".

Tanti i progetti di successo su cui si è impressa la sua firma: da "Langa Albese" a "Guida ai Sentieri del Roero" e "La marca aleramica". La sua giovanile passione per la storia e la geografia ha trovato sbocco nella pubblicazione di "Terra incognita", guida-repertorio delle grandi scoperte geografiche, dai tempi degli antichi egizi fino all'epoca moderna e di "La memoria rimossa", ricchissimo excursus sulla storia coloniale italiana, sull'analisi della quale esistono poche opere altrettanto convincenti e documentate.

Cavaliere mauriziano dal 1988, appassionato di storia sabauda - come testimonia l'elegante pubblicazione di "Memorie di storia sabauda" - era prossimo a completare una biografia di Luigi Amedeo di Savoia.

La breve ma implacabile malattia che lo ha condotto a miglior vita, il 16 ottobre 2014, ha disposto diversamente.